Periodico delle Tecnologie dell'Informazione e della
Comunicazione per l'Istruzione e la Formazione
A+ A A-

Warning: getimagesize(/web/htdocs/www.ictedmagazine.com/home/data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAOwAAACsCAYAAAB4i0B4AAAgAElEQVR4AaS8h5tVRdqvzV9xvnPed8YJ6jAGzOgYMKcxjDoqOmYREQEBI4qAgiJKzjknRcmxc87dQEPTOdFNE5rOace11v1dT9WqvdduGmbec+a6ftfzVK1au1vYdz2hihm0Lq+P9fk+NhT42VgQYJOrjTKX18vG/D5lxV+f2xPRupzuiC/zMhatze6K0Zqszpjx6uxOvFqV1YFoZaao8xKtyOxkeUaH0rL0drQ6WJqmtSStg0Vp7UoLU9tQSmtnYVo7C1JFHUrzU9oRydj4Yuclt6mxWC2Zi9Wc5HZmJ7XxU2KrkvheReYTW5mT2MrshBZlxY8ooY3ZCfqZPB9IP8VfRPRDXLPSLOXLuIXv4y4qzYyP+t+L79F3cRcRzRAdaVa+Gh9pVuvM8+/impkRd17p+/gLfB93gZlH/r1+OHKBWUcu8GNcs5L4Pxw+r+bENzLPlY1v5qcjA2t23EV+ios+k7GaO6I//0f3vR8PX1Cf4X0++3Azc49cVJpzRL9nnhtrnoud4372HM97Mj8vrkVJrY1rZl78xQE1P+4iC+JblIwvVjTvcAvzj2gtiGtRc3pNc2S99x35HDNeGNfCorgWlhxpYaEoTt7xKK5Zzcn84rhmBilQCwNsKAywqTDA5sKgB9o+BawXWgHXwGtsf5D7w+sFeU1OVwywAq8AqyHuZlVWl4LWWAHWKw1vJ8vSBeQuZRend2Ck4E3vYFF6BwvTRJ0KUrFGBmIDr7EaZAFaa55r56Z0oJTcjsBrJNAamJWf1MZcmXNBFd9oTqLMt6OtB2QP1AbiH+MvIrBqtTArvpUf4lsRWGOUoOe80A7kC6hq3th4GTfzfYKA3MxMkbtJiDUyG4exs1xQBUTZWAyYXojNnNl8xM4WucAYOye+RcPpeW in /web/htdocs/www.ictedmagazine.com/home/plugins/content/social2s/social2s.php on line 1647

“Discovery World”: un’ app tra storia, arte, salute e tecnologia

“Discovery World”: un’ app tra storia, arte, salute e tecnologia

 Abstract

L’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria, con la 5^H dell’ITI “G. Donegani” di Crotone, sperimenta «tecnologie innovative» e nuovi «strumenti» di promozione di uno stile di vita sano e attento nei parchi archeologici, come luoghi dell’arte e della cultura a vantaggio di  una community building che, attiva civicamente, possa conoscere, valorizzare, vivere gli spazi pubblici come propri e sviluppare quel benessere psico-fisico che sostiene gli apprendimenti scolastici.

 In Italia il 40% degli individui non segue uno stile di vita attivo e sano e il valore della sedentarietà del 23-24,6% (nella fascia di età 6-10 anni e 15-24 anni) è tre volte superiore alla media europea (7%) (White Paper on Italian Sport, 2012).  Le conseguenze negative sul sovrappeso e l’obesità costituiscono un fattore di rischio per le malattie croniche non trasmissibili e l’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che entro il 2020, oltre alle malattie cardiovascolari, la seconda  maggior preoccupazione globale sarà la depressione.

 

I programmi di esercizio fisico, adeguatamente pianificati da esperti, possono essere efficaci quanto farmaci anti-depressivi nel trattamento di questa patologia nella forma  lieve e moderata e l’ambiente naturale può essere considerato una vera e propria risorsa nella quale svolgere attività fisica sia in termini di terapia che di rigenerazione del tessuto sociale. In considerazione che solo il 34% degli adolescenti europei (13-15 anni) pratica attività fisica al livello suggerito dalle linee guida dell’OMS, la Strategia per l’attività fisica 2016-2025 si pone l’obiettivo di intervenire in queste fasce d’età aumentando, ad almeno 60 minuti al giorno di esercizio aerobico (con intensità da moderata a elevata), i livelli di attività fisica praticata dai giovani. Se il camminare, opportunamente declinato nella quantità e nella continuità, costituisce la forma più naturale, salutare ed efficace per ridurre i fattori di rischio e potenziare quelli di protezione per la salute, l’incontro con l’arte e la natura favorisce il risveglio della parte creativa ed emotiva di ciascun cittadino e promuove un’attenzione involontaria che consente il recupero cognitivo della fatica.

 La quantità di tempo trascorso nella natura, in ambiente aperto, fin dall’infanzia, aiuta le persone a crescere fisicamente, intellettualmente, emotivamente, mentalmente ed eticamente. Il contatto con la natura, per la diversità di suoni, luoghi, odori di piante, animali e paesaggi, aumenta le competenze personali e sociali dei giovani e li aiuta a diventare cittadini responsabili.  

 La promozione del movimento all’aria aperta, quindi, come strumento fondamentale per rallentare questa crescita esponenziale di sedentarietà e iposocializzazione, deve essere debitamente prevista e pianificata da opportune  strategie nazionali e internazionali e anche i medici potrebbero prescrivere una quota di attività fisica all’aperto, come strumento terapeutico per ridurre il costo che il Servizio Sanitario Nazionale sostiene per queste patologie.

 L’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria, nell’ambito della Proposta Accordo Interistituzionale/Internazionale – Costituzione Polo DiCultHer Calabria –  “Scuole Calabria ON THE ROAD”, una collaborazione che vede le azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale e della promozione della salute nelle scuole della Regione, con il sostegno del  Dipartimento Salute e Politiche Sanitarie della Regione Calabria – Aziende Sanitarie Provinciali di Catanzaro e Crotone, ha proposto agli studenti degli istituti secondari di II grado delle province di Catanzaro e Crotone l’azione innovativa di fruire e frequentare i parchi archeologici di Scolacium (CZ) e Capo Colonna (KR) anche a fini salutistici.

 

E sono stati gli studenti  della 5H dell’ITI “G. Donegani” di Crotone, seguiti dai docenti Marino Pallone e Gaetano Corigliano, a sviluppare l’app “Discovery World” dedicata al Parco di Capo Colonna, una nuova Applicazione per dispositivi  “Mobile” che informa gli utenti sui punti di interesse  di carattere storico, artistico, culturale presenti nel Parco. L’app consente a qualsiasi visitatore di selezionare la modalità di percorso da effettuare (leggero, medio, intensivo) e di vivere  una vera e propria immersione nel passato.

Mentre si cammina con il proprio smartphone (anche con la tecnica del cammino “attivo” del fitwalking n.d.r.), l’app avvisa che si sta passando davanti ad un punto di interesse; basta allora aprire la scheda di approfondimento del punto segnalato e si potrà leggere o ascoltare, ad esempio, la storia  della colonna del Tempio di Hera Lacinia. L'Applicazione permetterà dunque, in maniera semplice ed immediata di scoprire monumenti, reperti e personaggi storici rappresentati nell’area archeologica. Un sistema integrato di immagini, descrizioni, audioguide, video disponibile in italiano e in futuro anche in inglese.

La geolocalizzazione dei punti di interesse, l'interattività, la molteplicità dei contenuti e la possibilità di selezionare il tipo di passeggiata fanno dell'Applicazione uno strumento avanzato e concreto per scoprire in assoluta libertà le meraviglie dell’area archeologica. Qui, infatti, sono insediati i resti dell’Heraion Lakinion, santuario extraurbano della colonia greca di Crotone, ancora attivo in età romana,  il grande tempio dorico di Hera Lacinia edificato intorno al 470-460 a.C., con un’unica colonna superstite, divenuta emblema del Parco e del promontorio..

 

 

                                        

L'Applicazione ha, tra i punti di forza, la possibilità di visualizzare immediatamente le informazioni di questo bellissimo luogo godendo del sito archeologico,  della vista panoramica sul Mar Ionio, dei profumi tipici della macchia mediterranea e, al contempo, di sfruttare la tecnologia dell’ app tramite la quale verranno trasmesse informazioni (calorie bruciate, battito cardiaco, conta passi, velocità, ecc) per calibrare l’attività e adattarla alle esigenze di ogni cittadino.

Storia, arte, salute e natura in una sola app!

 Il trasferimento dell’azione integrata della buona pratica proseguirà in tutta la Calabria, coinvolgendo i ragazzi, gli animatori digitali ed i referenti per la promozione della salute delle scuole aderenti all’iniziativa.

L’idea è che, a partire da Crotone, tutte le scuole della Regione e anche limitrofe, possano godere, come in passato nella Magna Graecia, dei vantaggi di un modello di  benessere psico-fisico e avere gli strumenti per creare l’abitudine quotidiana del muoversi a piedi e per motivare i ragazzi a fruire e frequentare i parchi archeologici o naturalistici.  La ricerca della valenza formativa nel ripercorrere la storia, la cultura, l’ identità, le tradizioni, le eccellenze e le radici dei luoghi dove si vive condurrà i ragazzi a diventare cittadini attivi nelle loro comunità di appartenenza. 

Il gruppo di lavoro costituito dell’Ufficio Scolastico Regionale (Dott. Giulio Benincasa e Prof. Lucia Abiuso per il PNSD, Prof. Miriam Scarpino e Prof. Santino Mariano per la promozione della salute, gli operatori sanitari delle Aziende Provinciali Dr. Antonella Cernuzio per Crotone e Dr. Giuseppe Furgiuele per Catanzaro e il Prof. Fausto Certomà per l’Associazione Fitwalking) è destinato ad ampliarsi.  

 

 

 Prof.ssa Miriam T. Scarpino

Referente Regionale  alla salute U.S.R. per la Calabria

 

  Prof. Santino Mariano

Referente Provinciale alla salute  U.S.R. per la Calabria

 

 

0
0
0
s2sdefault

Argomento